AST in vendita

M&A : AST prossima preda

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
In tempi di crisi si fanno sempre buoni affari, anche in tempo di Covid.
Acciai Speciale Terni del gruppo ThyssenKrupp, nel 2018 aveva messo a segno un utile di 98 milioni eppure, annuncia il ceo Martina Merz una probabile intenzione di vendere alcuni asset - Coinvolte le divisioni Marine, Material services e steel europe - L’ad di Ast, Burelli dice che:«verranno valutate tutte le opzioni»….. chi l’avrebbe mai detto e pure è così.
Gli invitati a nozze più probabili, come già si sapeva, potrebbero essere Marcegaglia o Arvedi nel panorama siderurgico italiano, per gli investitori esteri, vista la grande performance ILVA condotta dal governo italiano con Arcelor, prevediamo solo degli educati “no grazie”.
Inutile ricordare la crisi nel settore siderurgico, ma AST non produce tondo per cemento armato, produce acciaio inossidabile di alta qualità, e non tarderà molto a cavalcare l’onda. I players italiani se saranno rapidi , in questa fase saranno favoriti, ma molto dipende da come oggi si stia comportando il loro bilancio. Questa è una bella partita dove si gioca il futuro di un pezzo di storia, AST con i suoi 2.300 dipendenti potrebbe essere una delle operazioni di M&A più importanti nel settore dell’acciaio di quest’anno e uscire definitivamente dall’egida di ThyssenKrupp. Speriamo che la storia non si ripeta e speriamo di non rivedere vicende drammatiche come quelle dell’ILVA o della Lucchini. Brutte storie, aziende immolate alla tutela dell’occupazione, a scapito della reale fattibilità di piani industriali seri. I nodi ILVA e Lucchini sono ancora lontani dal venire al pettine e il sistema Italia pagherà inevitabilmente un prezzo altissimo a meno che non si voglia farli diventare un altro caso Alitalia, in rosso da sempre, ma poi tutto a tarallucci e vino.
Molte volte operazioni di M&A potenzialmente favolose, sono state trasformate in esempi di disastri finanziari, e occupazionali, per diventare poi enti assistenziali. Sarebbe forse ora di cambiare passo e affidarsi ad operatori capaci.

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Free Consultation

inserire il nome
inserire l'e-mail Indirizzo e-mail errato
inserire il n° di Telefono
Sito web aziendale
scrivere il messaggio

Search