M&A in Italia (fusioni e acquisizioni)

Stato di salute del M&A in Italia (fusioni e acquisizioni)

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L'M&A (fusioni e acquisizioni) in Italia ha mostrato segnali di ripresa dopo un primo semestre difficile, addirittura con una performance migliore rispetto ad altre economie europee.

Nel corso del terzo trimestre 2020 si è registrato un volume di transazioni pari a 11,9 miliardi di euro suddiviso su 98 operazioni, in forte crescita sia in termini di valore che di volume rispetto al secondo trimestre (4,2 miliardi di euro, 94 operazioni). Complessivamente, l’attività M&A in Italia fino alla fine del 3. Trimestre è stata pari a 29 miliardi di euro (311 operazioni), rappresentando un aumento del 10,7% in valore rispetto al 2019 (26,2 miliardi di euro, 470 operazioni), nonostante il calo del numero di operazioni (fusioni e acquisizioni).

Sul fronte private equity, sono stati registrati finora 71 (fusioni e acquisizioni) buyout per un valore di 14,5 miliardi di euro, superando già il valore di tutto il 2019 (8,3 miliardi di euro, 121 operazioni), trainati dalla più grande operazione del paese di quest'anno - l'acquisizione di Fibercom guidata da KKR per 7,7 miliardi di euro. Nel terzo trimestre si è registrato un notevole incremento dell'attività con 35 acquisizioni (10,3 miliardi di euro), contro 36 con controvalore di 4,3 miliardi di euro dei primi due trimestri messi insieme. Le cessioni da parte dei fondi sono state più contenute, con 26 operazioni per un valore di 2,9 miliardi di euro - un calo del 43% rispetto allo stesso periodo del 2019 (45 operazioni, 4,3 miliardi di euro).

Dopo un crollo nel secondo trimestre, si è registrato un aumento delle operazioni di M&A transfrontaliere. Gli investimenti esteri in Italia sono balzati a 38 operazioni per un valore di 10,8 miliardi di euro nel terzo trimestre, contro i 2,1 miliardi di euro su 28 operazioni nel secondo trimestre. A fine 3. trimestre, le acquisizioni di società straniere in Italia sono ammontate a 16 miliardi di euro, superando già l'intero anno 2019 (12,2 miliardi di euro). Le operazioni da parte di società italiane verso l’estero hanno raggiunto finora i 3,1 miliardi di euro quest'anno ma, nonostante un leggero aumento nel terzo trimestre (1,2 miliardi di euro, 22 operazioni) (fusioni e acquisizioni), rimangono comunque ad un livello inferiore rispetto agli ultimi anni a dimostrazione delle difficoltà nelle quali versano le società italiane.

Le telecomunicazioni ed i servizi finanziari sono stati i due settori più attivi in termini di valore, rappresentando una quota superiore al 25% del valore totale delle operazioni di M&A in Italia. In termini di numero di operazioni, il settore manifatturiero e quello chimico sono stati, con 90 operazioni (2,8 miliardi di euro) – di cui pero’ ca. la metà rappresentata dall’ acquisizione di IMA SpA (48,4%) da parte di BC Partners e Sofima  - i piu’ attivi.

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Free Consultation

inserire il nome
inserire l'e-mail Indirizzo e-mail errato
inserire il n° di Telefono
Sito web aziendale
scrivere il messaggio

Search