Fusioni e acquisizioni UBER e GrubHub fanno scuola

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Se vuoi vendere la tua azienda devi tenere a mente una cosa: due aziende da 50 non hanno lo stesso valore di una da 100.
Già la matematica non è un’opinione, tuttavia funziona così, maggiore è il valore di una azienda, maggiore sarà il moltiplicatore per la determinazione del suo valore di vendita.
Non serve spiegarlo a Dara Khosrowshahi, ceo di Uber, in momenti di difficoltà, spesso comperarsi un concorrente conviene e consolidare le proprie posizioni attraverso operazioni di M&A è la strada più sicura e rapida. Lo avevamo visto ai tempi con FCA. Ora la storia si ripete, in forma diversa, certo, ma il succo non cambia.
Brevemente, col Covid di NCC non se ne sono visti molti e UBER evidentemente non l’ha proprio presa bene, ma esiste anche Uber Eats che negli ultimi tre mesi ha messo a segno un progresso del 89% (teniamo conto che le serrate da Covid hanno inciso solo a Marzo), ne consegue una vera esplosione del delivery food. A questo punto come farsi scappare GrubHub, li bello pronto con i suoi 4,4 miliardi di valore che aggiunti ai 54,4 miliardi di capitalizzazione di Uber porterebbero il gruppo alla soglia dei 60. Se riuscisse sarebbe un bel colpaccio per tutti e due, specie in tempi di crisi. E i mercati sembrano apprezzare.
Questo è un approccio consolidato nelle grandi aziende e lo è meno in quelle piccole. Infatti è abbastanza raro vedere aziende piccole che, con lungimiranza, pianificano una crescita basata sull’acquisizione o fusione con aziende complementari o concorrenti. Di sicuro quando lo fanno poi i risultati si vedono. Spesso il titolare di una azienda medio piccola è concentrato sul breve, medio periodo e vede la crescita della sua azienda solo come naturale traguardo dei suoi successi commerciali, tralasciando una strategia molto più rapida e incisiva, l’acquisizione di un’altra azienda che porti fatturato, ordini, clienti, utili.
Le piccole aziende, specie in Italia sono restie ad operazioni di questo tipo e pure sono quelle che hanno fatto di piccolissime aziende a conduzione familiare dei colossi da miliardi di fatturato.
Tempo fa un imprenditore nel settore del caffè disse che era troppo dispendioso tentare di espandersi con la propria rete di agenti, meglio comprare torrefazioni concorrenti, così fece, ed ora è il numero uno. E ovvio che gestire tali operazioni, non sia proprio una passeggiata ma é qui che intervengono gli specialisti. Se la tua domanda é : ”come posso far crescere velocemente la mia azienda?” noi pensiamo di essere la risposta, per almeno tre motivi
Uno, ci occupiamo di operazioni di M&A  ed è il nostro pane.
Due, siamo sempre a contatto con investitori e imprenditori e che tu ci creda o no, come è vero che sul mercato ci sono più soggetti disposti a comperare la tua azienda, é vero anche che sicuramente vi sono anche aziende sane del tuo settore che sono pronte a vendere.
Tre, la nostra rete di contatti ci consente in un tempo brevissimo di darti una risposta nel tuo caso specifico, senza far perdere tempo a nessuno.

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite. Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Free Consultation

inserire il nome
inserire l'e-mail Indirizzo e-mail errato
inserire il n° di Telefono
Sito web aziendale
scrivere il messaggio

Search